Crea sito

 Cupeta

ingredienti: Kg.1 di zucchero, 500g. di mandorle, 1 limone;

Minti intra na padella tisa nu chilu te zuccuru e lu faci cucire chianu, chianu, girannu sempre. Quannu lu zzuccuru ncumuncia sse squaja e diventa rruggiatu cala e mennule stannu ccorti cu nnu se ncoddhrane girannu sempre sinu a ch nu sse squaja tuttu. 

Quannu cottu vachi su nu taulu te marmuru untu te oju e la fatichi cu nnu curteddhru largu e longu a modu cu pija nna bella forma, poi lu squicci cu nnu limone. Spicciatu e prima sse ndifridda completamente la taj a mmustazzoli.

Metti in una pentola alta lo zucchero e fallo cuocere a fuoco lento rimestando continuamente. Quando lo zucchero comincia a sciogliersi e si abruna, versa le mandorle sgusciate facendo cuocere il tutto, stando attenti a rimestare continuamente per non far attaccare il composto, sino al completo scioglimento. Appena finito versa il tutto su di un piano di marmo unto d'olio e con un coltello lavoralo sino a fargli prendere una forma regolare. Finito e prima che si raffreddi completamente taglialo a pezzetti.

  


Mustazzoli

ingredienti: 1Kg. di farina, 400g. di zucchero, 500g. di mandorle tostate, 100g. di olio, 4 uova, 4 cucchiai di cacao, 2 limoni, 2 bustine di lievito, 1 bicchiere di vino bianco, 1/4 di litro di latte, chiodi di garofano, cannella.

Mpasta tuttu cu l'ove e ggiungi e mennule ca hai gi macinatu, rimuddhrannu tuttu cu nnu picchi te latte e ggiungennu tutti li ndori ca hannu de essere muti cu pozzane nsapurare bbonu. Poi faci comu tante palline e lle squicci nu picchi prima cu lle mpoggi intra nna padella unta d'oju e farina e lle minti intra u furnu. L'hai de cucire a focu lentu.

Si impastano i vari ingredienti con le uova e si aggiungono le mandorle tostate e macinate grossolanamente, ammorbidendo l'impasto con il latte ed aggiungendo gli aromi che devono essere molti ed abbondanti. Si foggiano poi delle palline grosse come polpette e si schiacciano un po' prima di appoggiarle sulla lastra del forno gi unta d'olio e infarinata. Si cuociono a calore moderato. Quando sono pronti si passano nella glassa.

 


Pitteddhre

ingredienti:  2kg. di mele cotogne, 1Kg. di zucchero, 1 limone.

Pulizzi i cutugni. li taji e li fervi cu picchi acqua sinu a che

cipolla, appena pronta si versano le bucce di pomodoro con

 


Pittule

(fritture tradizionali per le vigilie dell'Immacolata e di Natale)

ingredienti: 1 Kg. di farina, sale, 1 dado di lievito di birra.

Intra a coppa granne minti farina, lievitu te birra, sale e mapasta tuttu finch nu diventa na crema. Lu ncuperchi e lu mmanti cu na pezza te lana cu pote stare allu cautu e lu lassi cu fermenta p nu paru te ure. Teni a mente ca crisce armenu p tre fiate!

Quannu prontu faci ferve l'oju intra na padella granne e ne cali nticche granni quanta ete a cicchiara e faci cu se cocine bbone.

Le poti puru fare giungennu prima cu lle coci:

          - culufiuru ndilissatu e spizzatu a morziceddhri;

          - baccal ndilissatu;

          - mature;

          - morzi te alici;

          - pummitori te pennula

          - cozze niure pulizzate.

In una grande coppa si ponga la farina, il lievito di birra, il sale e si impasti con acqua calda sino ad ottenere un impasto denso e cremoso. Si copra con un panno di lana e si lasci lievitare per circa due ore in un luogo caldo. Si tenga presente che l'impasto cresce di circa tre volte il suo volume.

Con un cucchiaio si prenda un quantitativo d'impasto della grandezza di una noce e si frigga in abbondante olio bollente.

All'impasto base si possono aggiungere:

                - cavolfiori lessi a pezzi;

                - baccal lessato;

                - olive nere snocciolate;

                - pezzetti di alici salate;

                - pomodori "te pennula";

                - cozze nere sgusciate crude.

Tutti questi ingredienti si aggiungono singolarmente quando l'impasto gi lievitato

 


Pittule cullu mele e la ricotta scante

ingredienti:  1 Kg. di farina, sale, 1 dado di lievito di birra, miele, ricotta forte.

Fanne a mpastatura comu pe le pittule normali ma quannu l'hai de calare intra l'oju cautu invece te nu cucchiaru ne minti nu cucchiarinu. Poi faci scarfare u mele mpastatu culla ricotta scante, cali le pittule e quannu le cacci le minti intra nu piattu minzanu una susu l'addhra p fare in modu cu t'esse comu nu munte.

Si faccia l'impasto nel modo descritto ma la dose per la frittura deve essere pi piccola. In una pentola si riscaldi il miele stemperandovi la ricotta forte. In detto impasto si immergano le pittule e quindi si sistemino in un piatto a forma di piramide.

 


Pittule cullu cottu (variante preminentemente natalizia)

ingredienti:  1 Kg. di farina, sale, 1 dado di lievito di birra, vincotto conservato.

Fanne a mpastatura comu pe le pittule normali ma quannu l'hai de calare intra l'oju cautu invece te nu cucchiaru ne minti nu cucchiarinu. Poi faci scarfare u cottu e quannu ncumincia a fervire cali le pittule ngirannule cu na cucchiara e facennu in modo cu se ungune tutte. Quannu l'hai cacciate le minti intra nu piattu minzanu una susu l'addhra p fare in modu cu t'esse comu nu munte a modu cu poti culare susu u cottu rimastu intra a padella e cu se pozza sculare cuprennule. Quannu hai spicciatu le spurguli te canneddhra.

Si faccia l'impasto nel modo descritto ma la dose per la frittura deve essere pi piccola. Si metta in una pentola il vincotto. Quando incomincia a bollire si uniscono le pittule mescolando con un cucchiaio di legno in moda da ricoprirsi bene di condimento. Si sistemano poi in un piatto a forma piramidale e si versa in cima il vin cotto rimasto. Si completi con una spolverata di cannella in polvere. In altri luoghi si friggono normalmente le pittule per poi inzupparle nel vincotto.

 


Purciddhruzzi e cartellate (dolci di natale)

ingredienti: 1 kg. di farina, 250g. di zucchero, 3 uova, un'arancia, sale, una tazza di olio, alcool puro, cannella a bacchetta, miele, pinoli.

Fanne friscire intra l'oju p picca e a focu lentu a  scorsa te l'aranciu e qualche morzu te cannella, poi sculi l'oju e lu ggiungi alla farina paru allu succu te l'aranciu, lu spiritu p liquori, na pizzicatura te sale e mpasta tuttu cu nu acqua te sule. Quannu a pasta saje scanata bona ncuminci cu faci le forme ti purciddhruzzi e de le cartellate. Spicciatu, le faci friscire intra l'oju. Se fricune prima li purciddhruzzi e poi e cartellate. A frittura pronta quannu a pasta diventa comu te oru.

Spicciatu piji u mele e lu scarfi intra nu pignateddhru cu na goccia te acqua. Quannu prontu ne cali intra i purciddhruzzi a picca alla fiata ngirannuli continuamente e poi li cacci quannu sannu unti tutti.

Poi quannu l'hai giustati intru u piattu ne mini susu i pinoli o i cannellini.

Far friggere nell'olio per alcuni secondi a fuoco basso la buccia di un'arancia e dei pezzi di cannella, poi scolare l'olio e aggiungerlo alla farina insieme al succo spremuto dell'arancia, all'alcool puro, un pizzico di sale ed impastare il tutto con acqua tiepida. Dopo aver dato le forme opportune si inizia la frittura versando nell'olio bollente i pezzetti d'impasto. Si iniziano a friggere prima i porcelluzzi e poi le cartellate. I fritti per essere pronti devono avere un colore giallo oro. Finito si prende il miele e lo si scalda in un pentolino con un goccio d'acqua. In esso si immergono i porcelluzzi un po' alla volta rigirandoli per farli impregnare bene e si tirano fuori appena pronti con una schiumarola. Sistemati in un piatto vanno cosparsi di pinoli e confettini.

 


Ricotta fritta

ingredienti: ricotta, zucchero, 1 uovo,  olio, farina.

Piji a ricotta e la taj a fettine, dopu la ngiri prima intra a farina e poi intra l'ou sbattutu, manu a manu ca pronta la cali intra l'oiu cautu e la frisci. Quannu la cacci la mpoggi a strati intra nu piattu e pe ogni stratu la mpurgulisci te zuccaru.

Prendi la ricotta e la tagli a fette, dopo aver impolverato tutti i lati la si fa impregnare di uovo che hai precedentemente sbattuto. Man mano che pronta la si pone delicatamente nell'olio caldo per farla friggere.

Tirandola fuori la si pone a strati in un piatto ed ogni strato va spolverato di zucchero. Va mangiata preferibilmente ancora calda.

 


Taraddhri , pupe e cestini te Pasca

ingredienti: 1 kg. di farina, 250g. di zucchero, uova,  una tazza di olio.

Mpasti a farina pparu allu zuccaru cu ll'acqua e l'oju e poi la scani. Quannu scanata bbona dai a forma alli taraddhri, a parte sbatti n'ou e unci te susu i taraddhri, spicciatu nfurni.

Pe lle pupe o i cestini te Pasca, usi lu stessu procedimentu, sulamente ca quannu faci a furma ta pupa allu postu ta ventre ne minti n'ou crudu e poi li nfurni.

Impasta la farina con lo zuccheroe l'olio con un po' d'acqua e la lavori sino a quando l'impasto compatto e senza grumi. Finito dai la forma ai taralli. In un piatto sbatti un uovo e con il risultato spennella la parte superiore dei taralli. Finito inforna.

Per i cestini di Pasqua, si usa lo stesso procedimento e gli stessi ingredienti, solo che nel dargli la forma desiderata si immette nell'impasto un uovo crudo intero a fare da pancia se una bambola. da spessore se cestino.

 


Zeppule

ingredienti: 1 kg. di farina, 250g. di zucchero, uova,  una tazza di olio.

Mpasti a farina pparu allu zuccaru cu ll'acqua e l'oju e poi

Per i cestini di Pasqua, si usa lo stesso procedimento e gli stessi